Insegnanti 2018-12-20T02:02:34+00:00
Laura Di Lernia
Laura Di LerniaInsegnante
Dopo una formazione scientifica in Biologia ed un’esperienza triennale di ricerca ed insegnamento in ambito universitario, si è formata in Kinesiologia Specializzata e Naturopatia. Ha poi conseguito il titolo di Operatore Craniosacrale presso la Craniosacral Healthcare di Mij Ferret, allievo e assistente di Mike Boxhall.
La sua pratica e si è poi orientata primariamente alla Biodinamica Craniosacrale, anche attraverso l’insegnamento.
È insegnante di Craniosacrale Biodinamica secondo gli standard ACSI (Associazione Craniosacrale Italia).
È stata membro del direttivo dell’Unione Naturopati (UNA) in qualità di responsabile della Commissione Ricerca.
Dal 2006 segue il lavoro di Mike Boxhall, come studente, organizzatrice dei suoi seminari in Italia ed assistente e con lui ha completato il percorso biennale di Formazione per Insegnanti.
Da sempre appassionata all’esplorazione della complementarietà tra scienza e spiritualità, ha trovato nel modello di lavoro di Mike Boxhall la risonanza tra la scienza moderna e la rivelazione dell’essenza umana, attraverso l’espansione del Femminile e l’apertura del Cuore.

Dottore in Scienze Biologiche
Dottore di Ricerca in Biologia Molecolare e Cellulare
Kinesiologa Specializzata
Naturopata esperta in Kinesiologia
Operatrice in Craniosacrale Biodinamico M.R.CS.
Insegnante di Craniosacrale Biodinamica

Mike Boxhall
Mike BoxhallInsegnante
Psicoterapeuta, counselor, agopuntore, terapeuta Craniosacrale da 45 anni, Mike è stato discepolo di Irina Tweedie e di altri grandi maestri spirituali. Per cinque anni Presidente dell’Associazione di Terapia Craniosacrale del Regno Unito, ha inoltre ricoperto la carica di membro del consiglio dell’Associazione Craniosacrale degli Stati Uniti per tre anni.
Mike ha sviluppato un approccio unico e originale che include corpo, mente e spirito, volto all’espansione della consapevolezza e al contatto con il nucleo più intrinseco dell’essere, principalmente in contesti di lavoro di gruppo. La sua impostazione Buddista ne sottolinea il lavoro.
Da 10 anni guida gruppi in Sudamerica, Stati Uniti, Spagna, Germania, Danimarca, Repubblica Ceca e in Italia. Dopo aver pubblicato i volumi “The Empty Chair” e “Conversazioni nella Quiete”, entrambi tradotti in diverse lingue, Mike sta ora lavorando al suo terzo libro. È inoltre impegnato nell’esplorazione delle potenzialità del suo approccio nell’ambito della demenza senile e dell’Alzheimer.
Chiara Garioni
Chiara GarioniAssistente
La sua formazione, dopo gli studi liceali, è inizialmente focalizzata sull’arte. Dopo aver studiato a Venezia, si trasferisce a Parigi, dove studia Belle Arti e Storia dell’Arte, viaggiando quando possibile per l’Europa con il marito, scultore americano conosciuto all’Accademia. Insieme soggiornano diversi mesi sull’isola di Rodi, dove formano una piccola comunità internazionale di giovani artisti.
Si stabilisce poi negli Stati Uniti, risiede nel Village a New York e vive la stagione artistica più fertile degli anni ’80. In seguito, si trasferisce in California, poi in Florida, da dove intraprende un lungo viaggio attraverso il Messico, grazie al quale si avvicina all’ambiente della medicina olistica e della spiritualità.
Tornata in Italia, dal 1998 lavora come interprete per corsi di formazione di Kinesiologia e Craniosacral Therapy, traducendo anche testi e manuali: Mij Ferret, John Wilks, Colin Perrow, Mary Louise e Christopher Muller e Denise McCann sono alcuni degli insegnanti con i quali collabora nel corso degli anni.
Nel 2005 per merito di Laura Di Lernia conosce Mike Boxhall e qualche tempo dopo comincia a lavorare al suo fianco come interprete. Traduce i suoi libri “Conversazioni nella Quiete” e “La Sedia Vuota” e, grazie al suo insegnamento, intraprende l’avventura più sbalorditiva e avvincente della propria vita. Con Mike ha anche completato il percorso biennale di Formazione per Insegnanti.
Nel tempo libero, Chiara viaggia da sola per l’Italia con il suo motorino, seguendo antichi itinerari di pellegrinaggio e visitando pievi altomedievali, delle quali è appassionata studiosa.